spedizione gratuita da 29€

addio plastica monouso

-10%di sconto con l'iscrizione alla newsletter

garanzia 30gg. soddisfatti o rimborsati

Purtroppo alcuni prodotti non sono più disponibili. Controlla il carrello.
Purtroppo alcuni prodotti non sono più disponibili. Controlla il carrello.
Purtroppo alcuni prodotti non sono più disponibili. Controlla il carrello.

LA NOSTRA
IMPRONTA DI CARBONIO

PERCHÉ PREFERIAMO RIDURRE

CHE COMPENSARE

I nostri prodotti per la casa e la linea beauty NATURAL CARE generano una quantità ridotta di rifiuti da imballaggio e inquinamento ambientale. In everdrop, ogni giorno lavoriamo per rendere il mondo un po' più pulito. Ma il cambiamento climatico è legato soprattutto alle emissioni di CO₂ e di altri gas serra. Cosa possiamo dire riguardo alla nostra impronta carbonica? Dopo tutto, i nostri prodotti sono nati proprio per offrire un’alternativa rivoluzionaria nel preoccupante scenario attuale delle emissioni di CO₂.

Una cosa è certa: dall'estrazione delle materie prime, passando per la produzione e il trasporto fino al consumo da parte del cliente finale, qualsiasi prodotto comporta necessariamente emissioni di CO₂ e altri gas serra. Ogni azienda, anche semplicemente con il proprio operato quotidiano, contribuisce a tutto questo. Per mappare l'impronta carbonica di un'azienda ci sono due importanti indicatori da prendere in considerazione. Da un lato, c'è la Product Carbon Footprint (PCF), che riflette il bilancio di CO₂ di uno specifico prodotto. Dall'altro lato, la Corporate Carbon Footprint (CCF) rappresenta il bilancio di CO₂ dell'intera azienda. Calcolare questi valori in modo preciso è un processo costoso che richiede molto tempo. Per una start-up giovane e in rapida crescita come noi, si tratta di un percorso davvero complesso. Anche per questo motivo, siamo davvero orgogliosi di potere già comunicare i dati relativi al 2021, a solo un anno dalla nostra nascita.

Perché per un'azienda è importante calcolare e comunicare le proprie emissioni di CO₂?

 

Se un'azienda è in grado di classificare le proprie emissioni di CO₂ suddividendole nelle diverse categorie in maniera accurata, può capire dove ci siano margini di miglioramento e individuare gli ambiti in cui intervenire urgentemente per ridurre la propria impronta.

D'altra parte, dare disclosure dei valori delle emissioni di CO₂, soprattutto nel caso dei prodotti, fa sì che la nostra società si renda conto che la quotidianità e le abitudini di consumo hanno un'impronta di CO₂ e quindi un impatto sull'atmosfera del nostro Pianeta. Comunicare i dati relativi a questi impatti può aiutare i consumatori a fare scelte consapevoli, e quindi contribuire attivamente alla tutela dell'ambiente.


In più, se un'azienda riesce a calcolare le proprie emissioni in modo accurato, può di fatto compensarle. A fronte di tali emissioni, l'azienda può acquistare crediti di carbonio certificati - il cui prezzo è determinato dalla legge della domanda e dell'offerta - e finanziare così progetti di compensazione certificati (per lo più nel Sud del mondo) che assicurano che vengano evitate emissioni di gas serra (come con la realizzazione di impianti solari) o che vengano direttamente limitate (ad esempio  tramite la riforestazione).

Image

EVERDROP È "CARBON NEUTRAL"?


COSA SIGNIFICA DAVVERO QUESTO TERMINE...

Precisiamo subito: non siamo "carbon neutral" e nemmeno in futuro vorremo mai definirci tali. Questo termine, infatti, significa che un'azienda ha zero emissioni di CO₂ e quindi nessun impatto negativo sul clima.


Nel caso peggiore, questo status spinge i management delle varie aziende a "compensare" i propri peccati ambientali con il denaro. Ma la tutela dell'ambiente non è una vendita di indulgenze. Per il nostro Pianeta, è prima fondamentale evitare tutte le emissioni non necessarie.


Proprio per questo, la sola compensazione non può essere una soluzione: dovrebbe essere utilizzata solo per le emissioni che non possono assolutamente essere evitate. Anche noi compensiamo già alcune di queste emissioni, ad esempio le emissioni relative al nostro detersivo lavatrice per capi sportivi Pamela Reif x everdrop (vedi capitolo successivo a proposito delle PCF) o indirettamente attraverso i nostri partner come DHL Go Green, che compensano per noi tutte le spedizioni nazionali, e continueremo a impegnarci in questo senso per compensare le nostre emissioni inevitabili tramite le compensazioni. Ma il nostro obiettivo non è questo.


Invece di compensare, vogliamo piuttosto investire nel monitoraggio e nella riduzione delle emissioni di CO₂. Che si tratti della nostra supply chain, dei nostri prodotti o del nostro headquarter, vogliamo diventare il più possibile sostenibili dal punto di vista ambientale. Invece di pagare per essere "carbon neutral", abbiamo scelto una strada più complessa ma secondo noi più giusta: ci impegniamo a  misurare, analizzare, evitare e ridurre le nostre emissioni, sempre di più.


Di seguito ci teniamo a condividere con te i nostri risultati in merito all'impronta di CO₂.

Image

La nostra

CORPORATE CARBON FOOTPRINT (CCF)

Aggiornato al 23 maggio 2023
Abbiamo lavorato con i nostri partner Cozero e Yook per calcolare le emissioni di CO₂ equivalenti (CO₂e) generate dalle nostre attività aziendali per gli anni 2022 e 2021.

Per misurare le nostre emissioni, abbiamo seguito la metodologia e la classificazione del Greenhouse Gas Protocol (GHG). Le emissioni vengono misurate in tre diversi ambiti (scope):

  • Scope 1 comprende tutte le emissioni dirette la cui origine è sotto il controllo diretto dell'azienda, come ad esempio gli impianti di produzione o le flotte di veicoli di proprietà.

  • Scope 2 comprende tutte le emissioni indirette che derivano dall'acquisto di energia. In particolare, include l'elettricità e il riscaldamento. 

  • Scope 3 comprende tutte le altre emissioni indirette in 15 categorie diverse: quelle emissioni che non esisterebbero senza l'azienda, ma che non sono ancora interamente sotto il suo controllo. Oltre alle emissioni della supply chain, lo Scope 3 include anche, ad esempio, i viaggi di lavoro e gli spostamenti dei dipendenti. 



Nel 2022, la nostra impronta di CO₂ è stata di 5405 t CO₂e.

Nel 2021, la nostra impronta di CO₂ era di 4637 t CO₂e. Nota: al 22 maggio 2023, abbiamo pubblicato sul nostro sito web un valore non ancora completo pari a 643 t CO₂e. Come avevamo chiarito, per la CCF totale del 2021 mancavano ancora i dati relativi alle materie prime, alla fase di produzione, al trasporto e all'imballaggio dei nostri prodotti (sotto la voce Scope 3 / Purchased Goods & Services). Grazie al nostro partner Yook, ora siamo in possesso di questi dati.


Misuriamo la nostra impronta climatica in tonnellate di CO₂e, dove CO₂e sta per CO₂ equivalenti. Se in alcuni punti di questa pagina scriviamo solo "CO₂", è perché colloquialmente si parla sempre di "emissioni di CO₂" o "impronta di CO₂", ma di solito ci si riferisce sempre alle emissioni di diversi gas climalteranti. Quando parliamo di valori concreti, cerchiamo di utilizzare l'unità di misura corretta CO₂e.

Ma quali sono questi gas climalteranti, oltre all'anidride carbonica (CO₂)? Sono il metano (CH4), il protossido di azoto (N₂O), vari idrofluorocarburi, l'esafluoruro di zolfo (SF6) e il trifluoruro di azoto (NF3): tutti questi gas vengono convertiti in equivalenti di CO₂, cioè in CO₂e, in base al loro potenziale di riscaldamento globale (GWP).

LE EMISSIONI


IN DETTAGLIO

Qui puoi trovare i dati dettagliati suddivisi per i tre Scope. (clicca sulla freccia a destra)

SCOPE 1: 0,2 t CO₂e
SCOPE 2: 2 t CO₂e
SCOPE 3: 5402 t CO₂e
LE CATEGORIE IN SINTESI
Image
Image

DEI NOSTRI PRODOTTI


SOMMARIO

La nostra CCF totale per il 2022 è di 5405 t di CO₂e, 768 tonnellate in più rispetto all'anno precedente. Questo dato si spiega con la nostra crescita di anno in anno, sia in termini di fatturato che di maggiori distanze di trasporto (grazie a nuovi clienti e partner di vendita al dettaglio in Italia e Francia), ma anche con il numero di dipendenti. Tuttavia, nonostante la maggiore impronta di CO₂ in termini assoluti, consideriamo lo sviluppo come positivo : in rapporto al fatturato, siamo riusciti a ridurre l'impronta di carbonio dell'azienda.

Tuttavia, la CCF è un importante promemoria del fatto che ogni azienda generi emissioni di gas climalteranti e quindi abbia un impatto sul clima attraverso non solo i suoi prodotti o i suoi servizi, ma anche attraverso le proprie attività quotidiane. Anche noi lo facciamo, anche se i nostri prodotti riducono notevolmente le emissioni di CO2 rispetto ai prodotti tradizionali.
A proposito: lo scorso anno, almeno 412 tonnellate di CO₂e della nostra impronta di carbonio aziendale sono state compensate da noi e dai nostri partner.


Puoi confrontare questa CCF con quella di un'altra azienda? La tentazione è ovvia, ma purtroppo - almeno per il momento - non avrebbe senso. Sebbene il GHG Protocol (volontario) fornisca un quadro di riferimento per il calcolo delle CCF, anche se le aziende seguono questo protocollo, possono omettere alcune delle categorie prescritte se, ad esempio, i dati disponibili sono insufficienti. Soprattutto per quanto riguarda lo Scope 3, i dati disponibili sono spesso troppo pochi o incompleti, in quanto non sono sempre a disposizione dell'azienda e quindi spesso difficili da misurare. In questo caso, spesso si è costretti a calcolare con ipotesi e stime o a non considerare affatto alcune categorie. Ecco perché è sempre estremamente importante leggere attentamente le "scritte in piccolo" all’interno delle dichiarazioni relative alle CCF prima di fare valutazioni complessive in termini di CO₂.



Hai domande o commenti sulla nostra CCF? Non esitare a contattarci.

Image

DEI NOSTRI PRODOTTI


LA CARBON FOOTPRINT (PCF)

La Product Carbon Footprint misura l'impatto climatico di un prodotto. Calcola quindi quanti kg di CO₂ equivalenti (kg CO₂e) sono generati dal prodotto. A seconda dell'approccio, vengono incluse le emissioni di CO₂e delle materie prime, della produzione, del trasporto e dello stoccaggio (cradle-to-gate), o anche dell'utilizzo e dello smaltimento (cradle-to-grave).


Le seguenti otto PCF dei prodotti everdrop sono stati calcolate dai nostri partner Yook, Forliance e Heinz Glas. Ne pubblicheremo altre il prima possibile.

PRODUKTkg CO₂eQUELLESYSTEMGRENZE
Badreiniger Tab (1 St.)0,009Yookcradle-to-gate
Küchenreiniger Tab (1 St.)0,009 Yookcradle-to-gate
Glasreiniger Tab (1 St.)0,006Yookcradle-to-gate
Küchenreiniger Power-Pulver (1 St.) 0,060Yookcradle-to-gate
Badreiniger Power-Pulver (1 St.) 0,082Yookcradle-to-gate
WC-Reiniger-Pulver (1 St.)0,084Yookcradle-to-gate
Pamela Reif x everdrop Sportwaschmittel 2,022Forliancecradle-to-grave
Reiniger-Glasflasche 0,711Heinz Glascradle-to-gate

Se i parametri del prodotto cambiano (ad esempio a causa di formulazioni migliorate o del contenuto di vetro di scarto nella bottiglia di vetro), è molto probabile che anche i valori PCF cambino. Stato delle PCF di cui sopra: 1 maggio 2023

Cosa significa "CO2e"?
Perché calcoliamo e pubblichiamo le nostre PCF?
Come posso confrontare i valori dei PCF?
Come vengono calcolate esattamente le PCF?

Ha qualche domanda?

Image

Facci la tua domanda o dacci un feedback:

Se qualcosa non è ancora chiaro, o se avete altre domande, potete contattarci in qualsiasi momento. Risponderemo a tutte le vostre domande in modo aperto e onesto e speriamo che vi unirete a noi per rendere il mondo un po' più pulito.
Al nostro modulo di feedback